KANBrief 3/10

Position paper della KAN: nuovi impulsi per la EN ISO 8041

La norma EN ISO 8041 fissa una serie di requisiti in materia di apparecchi per la misurazione delle vibrazioni e descrive i metodi di prova e taratura degli stessi. Benché necessaria sul piano pratico, nella sua attuale forma la norma non può essere applicata con un ragionevole dispiego di risorse economiche. La KAN ha perciò stilato un position paper con delle proposte concrete di miglioramento che dovranno essere fatte confluire nella revisione della norma.

Nella norma EN ISO 8041 “Risposta degli individui alle vibrazioni – Strumenti di misurazione” vengono specificate le caratteristiche prestazionali e i limiti d’errore degli strumenti di misurazione per il rilevamento dell’azione delle vibrazioni sugli esseri umani. La norma contiene inoltre delle prescrizioni per un sistema graduato di tarature tracciabili e di prove che spaziano dalla certificazione di tipo alla periodica prova successiva, fino ad arrivare alla prova sul luogo d’impiego.

La EN ISO 8041 riveste un ruolo importante per quel che riguarda la misurazione dell’azione delle vibrazioni sui posti di lavoro. Le norme di misurazione EN ISO 5349-2 ed EN ISO 2631-1 di cui nella Direttiva vibrazioni 2002/44/CE, p. es., richiedono ovvero raccomandano l’uso di uno strumento di misurazione come da norma EN ISO 8041. Molte norme di prova per il rilevamento delle emissioni di vibrazioni, inoltre, fanno riferimento ad essa.

L’attuale versione della EN ISO 8041, tuttavia, presenta alcuni punti che andrebbero sottoposti a miglioramento e, secondo gli utilizzatori, non è del tutto adeguata per un’applicazione pratica. Già in passato la Germania aveva perciò sollecitato una revisione della norma. Condividendo le perplessità espresse dalla Germania anche il CEN/ TC 231 ha invitato l’ISO a revisionare il documento tenendo conto della sua applicazione pratica.

Esiti della riunione di esperti promossa dalla KAN

In Germania, sotto la guida della Commissione per la prevenzione sul lavoro e la normazione, esperti di tutti i gruppi interessati si sono incontrati per discutere i problemi legati all’applicazione della EN ISO 8041. Dalla riunione è emerso ancora una volta in maniera evidente come questa norma sia necessaria per una prova e una taratura unitarie degli apparecchi per la misurazione delle vibrazioni. Essa contiene tuttavia alcuni requisiti che, secondo il parere degli utilizzatori, sarebbero inappropriati a livello pratico oppure attuabili solo con un notevole dispiego di risorse. La necessità di un miglioramento sussiste soprattutto in relazione ai seguenti punti:

• Attualmente i dispositivi di taratura per gli apparecchi di misurazione delle vibrazioni a bassa frequenza trasmesse a tutto il corpo che vengono prescritti in relazione alla prova sul luogo d’impiego non sono disponibili sul mercato. In via di principio è possibile procedere alla produzione, ma dato il ristretto numero di pezzi questa risulterebbe molto costosa.

• La norma richiede una periodica prova successiva tramite la quale garantire che lo strumento di misurazione continui a rispettare le specifiche prescritte. Detta prova è (soprattutto per quanto riguarda i dispositivi pluricanale) molto articolata, richiede moltissimo tempo e risulta dunque molto costosa per gli utilizzatori dello strumento di misurazione.

• La prova in loco da parte dell’utilizzatore ( taratura su un punto e prova funzionale) non è praticabile per quel che riguarda le vibrazioni trasmesse a tutto il corpo poiché, soprattutto per il disco di misura, non vi è un semplice calibratore per 16 Hz.

• Nell’attuale versione della norma mancano delle disposizioni in materia di dosimetri. Poiché, soprattutto per quanto riguarda le vibrazioni trasmesse a tutto il corpo, il mercato offre ormai un’ampia varietà di dosimetri, l’utilizzatore necessita di prescrizioni che gli consentano di scegliere uno strumento adeguato. Il rischio legato all’azione delle vibrazioni potrebbe altrimenti venire sottovalutato.

Position paper della KAN come base sulla scorta della quale procedere

Dalla riunione di esperti è scaturito un position paper1 in cui vengono illustrati i problemi legati alla norma in oggetto e avanzate concrete proposte di miglioramento. Sulla scorta di questo documento occorrerà far confluire i punti di critica nella revisione auspicata. Affinché fino a che non sarà stata messa a punto una nuova versione della norma gli utilizzatori possano avvalersi di una soluzione transitoria per l’applicazione unitaria e corretta della EN ISO 8041, nel position paper viene inoltre proposta una procedura ridotta e orientata alla pratica per la prova successiva degli apparecchi per la misurazione delle vibrazioni.

Il position paper della KAN dovrà fungere anche da incoraggiamento e base per l’elaborazione di soluzioni ausiliarie pratiche più esaustive indirizzate agli utilizzatori della norma. Il DIN si prodiga ora affinché l’ISO faccia confluire nella norma le proposte avanzate per il miglioramento dei contenuti della stessa.

Bettina Palka
info@kan.de 

1 Il position paper è disponibile in tedesco e inglese all’indirizzo
www.kan.de, codice web: d5042 (versione tedesca) e5402 (versione inglese).