Logo 25 Jahre KAN

KANBrief 1/18

Nuove norme in materia di seghe circolari per legna da ardere e spaccalegna a cuneo

Horizontale Spaltmaschine im Einsatz© POSCH GesmbH

Durante la lavorazione della legna da ardere capita spesso che, nel tentativo d’introdurre gli arti superiori nell’area di segatura o spaccatura, il personale riporti gravi lesioni. Onde ridurre il numero d’incidenti si è provveduto a rivedere le norme su spaccalegna a cuneo e seghe circolari. La revisione si è svolta sulla base degli esiti di colloqui tra esperti moderati dalla KAN e d’indagini sugli incidenti effettuate dall’ente di previdenza sociale per il settore agricolo, forestale e giardinaggio (SVLFG).

Le norme finora vigenti in materia di spaccalegna a cuneo (EN 609-1:1999+A2:2009) e seghe circolari per legna da ardere (EN 1870-6:2010-06) considerano solo l’utilizzo da parte di un’unica persona. Dalla valutazione, da parte dell'SVLFG, degli incidenti avvenuti nel corso di più anni è emerso che per rifornire di legno le macchine e trasportare altrove il legno vengono coinvolte nel ciclo di lavorazione anche altre persone, che quindi sono esposte al rischio di lesioni. Con la revisione si è mirato quindi a considerare non solo la sicurezza dell'operatore, ma anche quella di altre persone che possono trovarsi a lavorare nell'area circostante le macchine.

Vi era inoltre da impostare il processo lavorativo in maniera più sicura ed ergonomica e rendere possibile un utilizzo facile e funzionale della macchina. Grazie alla collaborazione con i fabbricanti è stato possibile testare in via preliminare i nuovi requisiti e la loro attuabilità.

Requisiti per l’attività di normazione
Soprattutto nel caso degli spaccalegna a cuneo verticali è emerso che il fissaggio sicuro del pezzo da lavorare è d’importanza fondamentale. Il legno è un materiale naturale e ognuno dei pezzi da spaccare ha una sua forma. Se prima della spaccatura non è possibile fissare correttamente il pezzo da lavorare vi è sempre il rischio che, per agevolare il lavoro, l’operatore o un’altra persona introduca gli arti superiori nell'area d'immediato pericolo – con conseguenze talvolta fatali. Era dunque importante definire dei requisiti in fatto di fissaggio sicuro del pezzo da lavorare e prevenire la manipolazione di dispositivi di comando a due mani.

È anche necessario garantire che s’impieghino solo utensili che consentono di operare in sicurezza. I dispositivi di ricezione, trattenuta e spaccatura devono soddisfare i necessari requisiti di protezione dai punti di schiacciamento e cesoiamento. Il potenziale blocco e i pezzi di legno proiettati a distanza non devono altresì costituire un pericolo. Decisiva, nel caso degli spaccalegna orizzontali, è stata anche la ridefinizione delle distanze di sicurezza (immagine).

In merito alle seghe circolari per legna da ardere è emerso che la zona in cui il pezzo di legno viene convogliato verso la sega mediante tavolo inclinabile o tavolo a rulli va assicurata meglio. L'introduzione diretta degli arti superiori durante l'operazione di segatura – ossia mentre la sega fuoriesce dal suo alloggiamento – va prevenuta con un dispositivo di protezione.

Un aspetto importante in relazione ai tipi di macchine trattati dalle due norme è costituito dalla stabilità, soprattutto considerato che tali macchine non vengono usate all'interno di stabilimenti. Anche il trasporto sicuro ha un’importanza non trascurabile. Si è provveduto inoltre a definire dei nuovi requisiti ergonomici allo scopo di permettere un utilizzo facile e sicuro.

Concretizzazione nella normazione
Essendovi diversi tipi di macchine, nel quadro dell’attività di normazione si è deciso di concretizzare i requisiti elaborati in modo da tenere specificamente conto del tipo di macchina di volta in volta considerato:

  • Nel caso degli spaccalegna a cuneo oltre a dei requisiti generali sono stati elaborati requisiti specifici per macchine verticali e orizzontali. Queste sono state a loro volta suddivise in spaccalegna per legna corta e per legna da catasta. Per un periodo di transizione sulla Gazzetta ufficiale saranno pubblicate la vecchia EN 609-1:1999+A2:2009 e la nuova EN 609-1:2017. Gli allegati ZA e ZB della vecchia norma – che dovrà essere ritirata entro la fine del mese di giugno 2018 – evidenziano però che in pratica la sua applicazione non dà comunque luogo alla presunzione di conformità.
  • Nel caso delle seghe circolari per legna da ardere sono stati definiti dei requisiti per seghe con tavolo inclinabile e seghe con tavolo a rulli. La nuova EN 1870-6 è stata pubblicata nel febbraio 2018 e la vecchia EN 1870-6:2010 dovrà essere ritirata entro la fine del mese di maggio 2018. Non è previsto alcun periodo di transizione.

Da parte tedesca, le esigenze emerse dai colloqui tra esperti e dallo studio degli incidenti verificatisi hanno in larghissima misura trovato sbocco nell’attività di normazione. La EN 1870-6 presenta tuttavia ancora alcune incongruenze che si spera vengano presto corrette.

 

Marc Löwer
Marc.Loewer@SVLFG.de